Parerebbe che da quello che leggo in rete alcuni ISP americani ma anche alcuni europei stiano valutando l idea di passare alcune utenze a banda larga dalla tariffa flat a quella a consumo e tutto perchè a causa del p2p e del videostreaming non ce la fanno piu a gestire il continuo aumento di dati e le infrastrutture sono sempre piu affamate di Upgrade ?

L articolo letto è questo di Repubblica ma anche OneAdsl ne parla .

Cominciamo con il dire che a sto punto o alcuni ci sono o ci fanno poichè non siamo certo noi a continuare ad aumentare la banda per fare la gara a chi va piu veloce ( io per esempio quando ho fatto alice adsl avevo una connessione da 256kbs in down e 128kbs in up ed ora dopo 6 anni mi ritrovo una connessione da 7mega per 384kbs senza averlo richiesto ) , per carità nulla in contrario sui upgrade gratuiti ma mi pare veramente fuori luogo vendere delle connessioni da 7mega e da 20mega ( senza parlare delle connessioni che verranno messe a disposizione con la NGN2 o con il FTTH ) e poi piangere perche non si è in grado di gestire il traffico e perche la fibra non basta mai !

Mi trovo d accordo in parte su quello scritto nell articolo di Repubblica sul fatto che una persona che scarica Hollywood completo ogni mese debba pagare di piu visto che nella maggior parte dei casi scarica materiale illegale , ma come la mettiamo sul fatto che da alcuni anni a questa parte le patch e i service pack dei sistemi operativi sono sempre piu pesanti ? che differenza ce a sto punto in uno che scarica un Divx da 400mega e uno che scarica un Service Pack da 400mega deve forse pagare di piu anche l ultimo essendo una cosa che tecnicamente deve fare perche il sistema operativo che ha comperato lo richiede per continuare a funzionare ? e colui che si scarica un video da VCAST ( che di norma è sui 700-900 mega ) per esempio in modo del tutto legale che cosa deve fare aprire un mutuo a tasso variabile con il proprio ISP ?

Altra cosa su cui sono d accordo in parte  presente nell articolo  di Repubblica , alcuni operatori come NGI e Tele2 offrono gia delle connessioni filtrate per il p2p in modo da evitare la saturazione della banda usata per il p2p , non mi pare molto gravoso come investimento visto che se l hanno fatto società come NGI e come Tele2 lo possono benissimo fare anche delle società come Telecom , Tiscali ecc bisogna però vedere che calo di utenze avranno dopo aver applicato una cosa del genere visto che mentre alcuni utenti usano la rete senza p2p la maggiorparte a capito che la rete serve solo per scaricare mp3 o per vedere video su Youtube !

Secondo me se vogliono rendere piu calma la rete prima di attivare queste idee ( che vedono la fine prima di loro come ISP e poi della rete ) devono responsabilizzare le persone sull uso corretto della rete ( cosa che ora non avviene ) , poi possono invece di spendere soldi per aumentare la velocità possono spenderli per mettere in atto filtri come usa NGI e Tele2 in modo che ci sia un po di repressione  ( ovviamente dicendolo al cliente durante gli spot e la pubblicita nei siti ) .

Mi pare che a suo tempo quando nacque Youtube qualcuno aveva gia citato questo problema , dove erano gli ISP quel giorno e che cosa hanno fatto per cercare di arginare il problema ? non è certo aumento la banda a gara che si risolve questo problema o no ? Leggo comunque con molto piacere che alcuni ISP americani hanno dovuto ritirare l idea per effetto delle polemiche ( e perche non dirlo ) anche delle possiibili disdette che sarebbero arrivate se facevano una cosa del genere !

Non penso che coloro che passano ore e ore su Feisbuk o su Myspeis o si vogliono vedere la Iptv saranno molto contenti di sapere che a causa di problemi infrastrutturali devono pagare le ore di connessione perche il proprio ISP non ce la fa a fornire la banda neccessaria ! staremo a vedere cosa succede !

Auguro a tutti un buon weekend e un buon primo maggio !